PER I LEADER DI OGGI E DI DOMANI

PNL ORIGINALE, gli articoli

Programmazione Neuro Linguistica (PNL) con accreditamento scientifico

Corsi

I corsi di PNL e quelli che incorporano PNL e PNL Nuovo Codice

Guida gratis alla PNL

Accedi alla guida gratuita alla PNL della Scuola di Alta Formazione Talenti

Calendario corsi

Il calendario dei corsi di PNL e di PNL Nuovo Codice

Il Terzo Modello della PNL: il Milton Model

Quarta parte della storia della PNL: l'illuminante incontro con Milton Erickson e cosa è nato dallo studio di questo incredibile personaggio.


Nel 1975 Bandler, Grinder e Bateson abitavano al numero 1000 di Alba Road, nel piccolo paesino di Ben Lomand in California. Il manoscritto di quello che sarebbe diventato

La Struttura Della Magia I circolava tra il gruppo di persone che si era raccolto intorno a Bandler e Grinder.


Parlando con Bateson


Anche Bateson aveva ricevuto una copia, e i due speravano riconoscesse ciò che avevano cercato di ottenere. Le loro aspettative furono ampiamente superate e il grande antropologo li invitò a casa sua per una discussione che sarebbe durata ore e ore.

Parlarono molto poco dei pattern specificatamente, perchè era evidente che Bateson li aveva capiti e li padroneggiava perfettamente. Piuttosto Bateson parlò a lungo delle ricerche che aveva fatto in passato e di come lui e i suoi colleghi non fossero mai riusciti a scoprire quello che Bandler e Grinder avevano codificato nel loro libro. Poi li fissò con sguardo penetrante e disse:


"Ok ragazzi, avete fatto un buon lavoro ma sono sicuro che il libro è roba vecchia. Voglio sapere che cosa avete fatto da quando avete codificato il Meta-Modello".


Affascinati e onorati di avere l'attenzione e l'approvazione di quello che ritenevano un genio e un modello si lanciarono in spiegazioni e racconti per aggiornarlo sulle loro ricerche.


Una nuova idea: Milton Erickson


Una settimana dopo il loro incontro Bateson li invitò di nuovo e chiese loro di utilizzare le loro capacità di modeling per realizzare un sogno che aveva da decenni.


Negli anni '30, mentre era sposato con Margaret Mead, aveva studiato il campo degli stati alterati di coscianza per una missione antropologica in Bali. In quel paese gli abitanti entravano spesso in stati di trance per svolgere certe attività artistiche come la danza. Durante il loro studio avevano saputo di uno psichiatra ribelle famoso per essere il più abile ipnotista sulla piazza, il dottor Milton H. Erickson.


Passarono del tempo con lui e Bateson realizzò le sue incredibili capacità nella comunicazione insconscia. Molti anni dopo mandò molti membri del suo gruppo di lavoro del MRI a studiare le tecniche di Erickson, compreso personalità come Jay Haley e John Weakland. I risultati però furono scarsi: i ricercatori tornavano "entranced", affascinati e ipnotizzati, ma senza risposte chiare.


Gli ostacoli all'incontro


Bandler e Grinder conoscevano già il lavoro di Erickson, e Bandler era pronto a partire per Phoenix senza indugi. Grinder rispose, senza capirne il motivo consciamente, che non era pronto a modellare Erickson.

Rassicurarono Bateson che ci avrebbero provato, ma non subito.


Ci vollero tre mesi perchè Grinder si sentisse congruente sul fatto di provare questa avventura: quando avvenne Bandler era estasiato e anche Bateson era molto contento. Disse loro di prendere il primo aereo a disposizione e intanto lui avrebbe preso accordi con Erickson, e di chiamarlo una volta arrivati a Phoenix.

Putroppo, una volta arrivati, Bateson disse loro che Erickson era appena tornato da una conferenza molto stancante e voleva rimanere tranquillo per i prossimi giorni.


Bandler e Gridner non si persero d'animo, e si misero al lavoro. Presero una copia di un libro pieno di articoli di Erickson e localizzarono un gran numero di induzioni di trance dentro vari articoli. Li lessero per un'ora fino ad arrivare a quanto necessario per i loro scopi, poi spesero parecchie ore per analizzare queste induzioni fino a trovare una struttura. Furono aiutati dalla grande chiarezza del lavoro di Erickson e dalla loro precedente esperienza con il metamodello distinguendo i processi dai contenuti. In tutti i contenuti eliminarono il materiale usato da Erickson per incoraggiare una risposta appropriata per il cliente e inserirono varianti dei due messaggi che volevano comunicare: "Trova del tempo!", "Incontraci subito!" e a volte anche "Trova il tempo per vederci subito!".


La telefonata risolutrice


Scrissero porzioni delle tecniche di Erickson modificate con i loro messaggi, poi fecero a testa o croce e vinse Grinder. Disse a Bandler di ascoltare dal telefono del bagno e coprendo il microfono della cornetta: gli serviva una concentrazione completa e non voleva nessuna distrazione.

Grinder compose il numero di Erickson, e il primo osatacolo fu convincere la moglie di Milton, un'ottima ipnotista anche lei, che suo marito voleva effettivamente parlare con loro. Finalmente sentì la voce profonda e intrigante di Erickson, e riusciva anche a sentire il suo respiro.


Grinder disse "Dr. Erickson, sono John Grinder e mi manda Gregory Bateson" poi, senza fermarsi, cominciò il suo discorso. Parlò per due minuti e mezzo (avevano fatto le prove prima di telefonare), mise in campo tutte le tecniche che avevano trovato usando al meglio delle proprie possibilità i pattern dello stesso Erickson.

Grinder riusciva a sentire il respiro che rallentava, e un'accettuazione continua delle induzioni che stava utilizzando comprensibile dal suo silenzio; finì la presentazione rallentando la voce e poi fermandosi. Passarono 30 o 45 secondi di assoluto silenzio, che sembrò un'eternità a Grinder, finchè sentì Erickson accelerare il respiro e poi dire "Voi due ragazzi venite a trovarmi immediatamente!".


Rimane senza risposta la domanda di Grinder se Erickson fosse stato ipnotizzato dalla struttura delle induzioni che lui stesso utilizzava, e questo avesse favorito l'incontro, oppure se Erickson avesse riconosciuto che Grinder stava usando esattamente la forma delle induzioni di Erickson, e proprio per questo fosse stato stimolato ad incontrarli subito, per le capacita' dimostrate senza un effettivo incontro.


In ogni caso incontrarono Erickson.


L'opera di modellamento


Il lavoro di modellamento che nacque da quella telefonata non fu breve nè semplice: Erickson era un genio che aveva lavorato per decenni nello sviluppare idee, sistemi e tecniche. Ci vollero più di 10 mesi di lavoro intenso, pieno di "strane e meravigliose esperienze".

Bandler e Grinder trascorrevano 3 o 4 giorni a Phoenix con Erickson guardando, ascoltando e modellandolo con micro movimenti mentre lavorava con i suoi pazienti. Poi tornavano in California per sperimentare i pattern che stavano cercando di imparare con tutti quelli che capitavano loro a tiro e che parlavano con loro.


Erano ore e ore ogni giorno di pratica disciplinata, sia in contesti ufficiali che i situazioni informali: un cameriere che li serviva al ristorante si ritrovò d'improvviso a non riuscire a camminare perchè i suoi piedi erano incollati al pavimento. C'era una donna seduta vicino a loro durante un viaggio aereo che tossiva e starnutiva: scese guarita dopo averli ascoltati parlare dell'aria secca del deserto e delle sue proprietà curative.


Erano molto attenti ad evitare un'analisi troppo accurata di quello che stavano facendo. Era chiaro, persino prima di incontrare Erickson, Avevano visto che alcune variabili sintattiche del metamodello entravano anche nei pattern linguistici di Erickson, che alcune variabili sintattiche del metamodello entravano anche nei pattern linguist

ici di Erickson, ma rifiutarono ogni spiegazione finché non erano soddisfatti nel raggiungimento delle stesse risposte nei loro clienti che Erickson otteneva dai suoi. Bandler e Grinder erano lanciati nell'opera di riprodurre tutti gli effetti ipnotici di cui Erickson aveva scritto, oltre a quelli che avevano visto di persona: si consideravano niente meno che ardenti fanatici.


Come prima di questa avventura, Bandler fu il primo a sentirsi pronto a scrivere del loro lavoro su Erickson, ma dovette chiederlo a Grinder tre volte prima di ricevere il semaforo verde. Una volta raggiunta la congruenza interna per entrambi, la stesura di quello che sarebbe diventato Hypnotic Techniques of Milton J. Erickson avvenne in una lunga maratona di 36 ore; correzioni e miglioramenti richiesero meno di 8 ore.


Tratto da: Whispering in the Wind

Clicca qui sotto per ritornare alla home page di PNL Originale

Vedi i dettagli
Esaurito